Progetto educativo

Progetto Educativo
Scuola dell’Infanzia Immacolata
Anno scolastico 2021/2022 e 2022/2023
SIAMO TUTTI NELLA STESSA BARCA
E INSIEME PRENDIAMO IL LARGO

cartellone pei

Suor Maria Laura, una Figlia della Croce, dichiarata BEATA il 6 giugno 2021, attenta educatrice, scrive ad una ragazza:
“Anche tu fa’ qualcosa di bello e scopri il TESORO
che è in te e intorno a te…Non sono sola, in me c’è Dio”.

Un Progetto educativo è proprio uno strumento per aiutare ad e-ducere, i valori che sono nellapersona che è creata “ad immagine e somiglianza di Dio”.

Da alcuni anni siamo, infatti, impegnati ad approfondire il valore delle RELAZIONI.
Dio è Trinità: TRE PERSONE IN RELAZIONE …e lo stesso Papa Francesco sollecita: “Ripensare
tutto dalle RELAZIONI”.
La Pandemia ci ha portato sofferenze, difficoltà: Dio abbia pietà di noi e ci liberi!
Ma dobbiamo riconoscere che ha anche risvegliato in noi qualcosa di positivo, ci ha fatto porre la
nostra attenzione su quanto, fino allora, sembrava ovvio. Oggi, in modo nuovo, ci sentiamo cittadini
del mondo, presenti ovunque col nostro interesse e la nostra preghiera.
Abbiamo scoperto la profondità di esperienze che ci sembravano scontate: la vita della famiglia,
della scuola, della parrocchia, la libertà di uscire, di incontrare, di comunicare con gli amici e le
persone care.
Con la Pandemia ci sono mancate le VERE relazioni (i social sono stati strumenti preziosi per
l’informazione, ma le relazioni chiedono altro…), cioè, il valore di tante esperienze quotidiane che
erano diventate ormai quasi senza senso.

Ci siamo resi conto che:
– Il nostro mondo che si credeva onnipotente per le sue scoperte nella scienza, nella tecnica,
per il potere del denaro, si scopre IMPOTENTE per opera di un minuscolo virus. Allora,
forse senza rendersene conto, cerca quel DIO che aveva dimenticato e che ora scopre
presente… l’UNICO che può tutto.
– Anche il clima che ha sconvolto: distrugge, uccide e ci “dice” che ciascuno è obbligato a
rispettare le LEGGI, anche quelle ECOLOGICHE.
Stiamo vivendo tutti le stesse difficoltà e questo ci fa prendere coscienza che tutti siamo uguali,
fratelli perché figli di un unico Padre,
Che ognuno ha bisogno dell’ALTRO (io di lui e lui di me), della sua diversità che è ricchezza.
Che siamo naturalmente chiamati a curare le RELAZIONI:
con noi stessi,
con gli altri,
con la natura,
con Dio.

Sr. Maria Laura illumina la vita di ogni persona in crescita ricordando che:
“Dio è AMORE: ama tutti, AMA CIASCUNO COME FOSSE UNICO”.
Sì, siamo davvero sulla STESSA BARCA e, insieme vogliamo prendere il largo, impegnarci per
raggiungere la META a cui tendiamo.
Iniziamo dalle relazioni quotidiane:
Quanti DONI riceviamo in una giornata! Li abbiamo scoperti solo quando ci siamo trovati in
situazioni non comuni: la vita nella famiglia, nella scuola, nella parrocchia, nello sport,
RISCOPRIAMOLI!
Quante PRESENZE, quante DIVERSITA’, richiedono innanzitutto il MIO ASCOLTO, un ascolto
vero (nella comunicazione, in genere, ascoltiamo solo il 32%, il 68% lo viviamo con i nostri
interventi).
È fondamentale ESSERE SÉ STESSI, ma bisogna accogliere la DIVERSITA’ dell’altro per
interagire.
Dobbiamo vincere l’INDIFFERENZA, i PREGIUDIZI …apriamoci, accogliamo!
Può esserci di aiuto soffermarci su una gara sportiva di calcio:
Proprio la ricchezza della DIVERSITA’, la RELAZIONE e l’ASCOLTO reciproco permettono alla
squadra di operare insieme e di raggiungere la meta prefissata!

L’uomo non è un’isola. Riscopriamo il VERO, il BELLO, il BUONO che è nella relazione, che è in noi e intorno a noi!

Ritorniamo alle relazioni vere, tra persone; i social sono utili per informare…ma la relazione ha
bisogno di: silenzio, ascolto, rispetto, dialogo.
E la relazione con Dio?
Lo ascoltiamo? Dialoghiamo?
E la relazione con la Natura?
La ascoltiamo? La rispettiamo? Collaboriamo? Sappiamo apprezzarla?

Attenzione alla relazione, perché può diventare quella
del GIUDICE,
del COMANDANTE,
del SAPIENTE,
del FIORISTA….
Renderci conto che ognuno è responsabile: la CORRESPONSABILITA’ crea la forza
dell’INSIEME.
La relazione è come il PERNO della RUOTA di una bici!
Nella relazione possiamo anche renderci conto della povertà diffusa, di CHI MANCA DEL
NECESSARIO…Che cosa possiamo fare?
Suor Maria Laura, amava molto la sua missione di EDUCATRICE. Parlando dei giovani, scrive:
“Nell’odierna società sono i più poveri dei poveri, perché facilmente INFLUENZABILI”.
Sì, allora, come oggi, si privilegia il virtuale, il relativo, l’apparenza ed ecco perché tanto
disorientamento, “…non hanno PUNTI DI RIFERIMENTO”.
La nostra gioventù è disorientata, sradicata, fragile, plagiata, SOFFOCA UN GRIDO DI VITA
INESPRESSO.
Con Suor Maria Laura chiediamo:
“Gesù fa’ qualcosa – facci capire in che modo essere la tua mano, il tuo gesto, il tuo
prolungamento. Donaci il tuo Spirito di Luce – Dacci la sapienza e l’intelligenza che viene da Te”